sabato 22 novembre 2014

Idea regalo natalizio - UNO Capsules System

Buongiorno ragazze,
so che è un off-topic rispetto alle usuali tematiche del blog ma volevo rendervi partecipi dell'esperienza che ho fatto testando questo prodotto ed inoltre se qualcuna di voi dovesse comprare una macchina del caffè potrebbe ricevere uno sconto del 20% sull'acquisto.
Prima di iniziare a parlarvene volevo precisare 2 semplicissime cose:
1- Non sono stata obbligata a scrivere alcun post dopo aver ricevuto il prodotto e se lo sto facendo è solo perché voglio farvelo vedere e voglio omaggiarvi degli sconti!
2- Non essendo stata obbligata a scrivere nulla è chiaro che sto esprimendo la mia opinione strettamente personale senza filtri.

Fatte queste poche premesse, se siete interessate a comprare una macchina del caffè o magari dovete fare un regalo dato che si avvicina il Natale, o se siete semplicemente curiose, continuate a leggere il post!

Ho avuto la possibilità di testare la UNO Capsules System per un mese e mezzo abbondante.
Il pacco infatti mi è arrivato intorno a metà Ottobre e come vedete comprendeva:

 

- 1 UNO Capsule System;
- 32 capsule Illy Tostatura Media (note di caramello e cioccolato);
- 16 capsule Illy Tostatura Scusa (note di cioccolato fondente e pan tostato);
- 16 capsule Illy Decaffeinato (con contenuto di caffeina inferiore allo 0,05%);
- 16 capsule Kimbo Espresso Napoli (aroma penetrante);
- 16 capsule Kimbo Espresso Sublime 100% Arabica (note di mandorla e pan tostato);
- 16 capsule Kimbo Espresso Dolce (qualità Arabica del centro e sud America);
- 16 capsule Kimbo Espresso Decaffeinato.




La macchina a capsule per espresso è targata Indesit, in alluminio, disponibile in 5 colori (nera, bianca, rosa, arancione e magenta), a me è stata inviata nera.
Abbastanza compatta è dotata di un serbatoio da 1L, erogazione con stop automatico e stand by di 10 minuti.



Sicuramente le cose che mi hanno colpito positivamente sono: poter scegliere tra due marche diverse per le capsule, ognuna delle quali ha un'ampia varietà di gusti; si riscalda in pochi secondi; è pochissimo rumorosa; il caffè è caldo (non ci si scotta) e il serbatoio interno può contenere circa 12 capsule.


Il caffè è uno dei momenti che amo di più durante la giornata.
Io sono proprio una patita del caffè e, pur di non esagerare, tendo a non prenderne più di 4 al giorno.
La mia giornata inizia la mattina con 2 caffè, continua con il caffè di metà mattinata e poi cerco di fermarmi a quello dopo pranzo!
Ma il coffee time è proprio una coccola per me, da gustare da sola di mattina (prima delle 7.40 non mi si deve rivolgere la parola), in compagnia e parlando a pranzo. Ovviamente, da accompagnare a qualche dolcetto! O ancora da offrire ad amici e parenti...

 
Il prezzo non è assolutamente esagerato, si aggira intorno ai 79 €.
Bene ragazze, con questo è tutto.. Ma, se siete interessante a ricevere lo sconto del 20% mandatemi una mail (trovate l'indirizzo in alto nella sezione Contattami)!
A lunedì e buon weekend!

lunedì 17 novembre 2014

Idea regalo natalizio - Cosmetic review num. 194... Tangle teezer

Buongiorno a tutte, buon lunedì e buon inizio settimana!!!
Ok,
il titolo è inappropriato e seppur non si tratti di un cosmetico concedetemi questa "licenza poetica"!
Parliamo oggi di un accessorio per capelli.. la nota, famosissima, amatissima, stilosissima, modernissima TANGLE TEEZER.


Mi è arrivata in una confezione semplice ma carina e soprattutto natalizia!!!!!
Potrebbe anche essere un'idea regalo per qualche amica fashion!

giovedì 13 novembre 2014

Cosmetic review num. 193... Sinful Colors - Smalto num. 395 "Folly"

Buongiorno ragazze.. oggi voglio parlarvi di un nuovo smalto che ho provato!!


Si tratta del num. 395 "Folly" (per chi non lo sapesse significa sciocchezza!!)

lunedì 10 novembre 2014

Cosmetic review num. 192... Neutrogena - Crema mani

Buon giorno ragazze e buon lunedì!
Oggi post chiacchericcio in cui inserisco una velocissima review.
La tempesta sembra passata.. Qui a Catania ce la siamo vista brutta con la pioggia e il vento (si è parlato anche di un fenomeno simil ciclone tropicale).. Immaginatevi che nella notte tra venerdì e sabato in giardino da me è stato sradicato anche un albero! Purtroppo per altri due giorni sembra che il maltempo qui al sud continuerà e così consoliamoci con le tisane e i calzini caldi, e se dovrò uscire sicuramente userò i miei amati Ugg (anzi se li volete vedere venitemi a seguire sul mio profilo Instagram con il nome marinamarsea)!

Fatta questa premessa, spero che da voi vada tutto bene e iniziamo a parlare del prodotto protagonista del post di oggi!

giovedì 6 novembre 2014

Ho contribuito senza saperlo...

Frivolezze, tag, foto, prodotti di bellezza.. la superficialità di questo blog è assoluta.
Oggi però è il momento di cambiare registro e parlarvi di una cosa che mi ha colpita fortemente.

Pochi giorni fa un servizio di Report, programma su Rai 3, ha focalizzato l'obiettivo sulla provenienza e lavorazione dei piumaggi utilizzati per riempire coperte, cuscini e piumini che noi tutti acquistiamo e inconsapevolmente, come nel mio caso, contribuiamo ad alimentare un sistema malato che danneggia animali e essere umani.
Il caso Moncler è quello che ha provocato maggior sdegno.

La parte del servizio che mostrava la provenienza di queste piume non vi nascondo che è stata difficile da vedere; più volte infatti ho distolto lo sguardo non riuscendo a sopportare la vista delle ferite inferte alle povere oche pur di ottenere il maggior quantitativo di piume nel minor tempo possibile. Anche i rumori dei versi di questi poveri animali durante queste vere e proprio torture erano difficili da ascoltare.

Successivamente il servizio si è concentrato sul lato commerciale della vicenda.
Se non l'aveste visto qui di seguito ve ne faccio un riassunto.
Il servizio ci dimostra, grazie alle interviste fatte ai direttori/collaboratori delle attuali imprese tessili che producono i Moncler (come molti altri piumini), che uno di questi giubbotti costa dai 35 ai 50 € comprese le piume d'oca, i tessuti, le zip e i bottoni, l'etichettatura e sopratutto la manodopera. Manodopera che prima veniva fatta in imprese tessili del sud Italia, mantenendo quindi gli standard del caro vecchio "Made in Italy", dando lavoro a centinaia di persone con un costo finale del prodotto di circa 60€, ma che adesso viene fatta nei paesi dell'Est quali Romania, Moldavia, Ucraina al fine di risparmiare circa 15€ sul prodotto finale grazie al risparmio sui salari degli operai (che hanno uno stipendio mensile circa 123€).

Ovviamente il servizio è molto più dettagliato, ma spero che questo mio mini riassunto vi possa fare riflettere.
E sì, perché io che sono un'amate della moda ho provato non poco sdegno.
Tralasciamo il ricarico sul prodotto finale, poiché ognuno è libero di spendere i propri soldi come vuole, ma focalizziamoci sul lato "umano".
Sì, perché io tutta questa vicenda la trovo umanamente pietosa.
Pietosa dal punto di vista della sensibilità perché non c'è bisogno di essere sfegatati animalisti per incazzarsi arrabbiarsi e inorridirsi alla vista delle sofferenze e delle torture inferte agli animali. Io mi chiedo solo una cosa? Ma la UE dov'è? Dove sono i controlli? Queste piume dovrebbero essere raccolte ad animale morto, peccato però che in questo caso l'animale non renderebbe così come lo fa spennandolo più volte.
Inoltre in un periodo dove il lavoro in Italia è un miraggio, vedere i grandi marchi italiani spostare le aree di produzione in altri paesi solo per arricchire il portafoglio del proprietario/degli azionisti di turno a discapito dei lavoratori italiani che restano a spasso e anche di quelli esteri, sfruttati miseramente, fa schifo (lasciatemi passare questo termine).

Detto questo, io ho un Moncler e mi sento un po' responsabile.
Superficialmente non mi sono mai interessata nell'informarmi se le piume che riempiono il mio piumino venissero da un animale vivo o morto. Mea culpa.
Cosa posso fare? Sicuramente non contribuire in futuro ad alimentare questo sistema malato; quindi sarà mio dovere informarmi e fin quando Moncler non avrà fatto chiarezza non acquisterò più i loro prodotti.

Se come me lo facessero anche molti altri sicuramente qualche provvedimento da parte di questa azienda, come di altre, verrebbe preso.

In generale sono una pessimista, ma spero che questa volta si faccia chiarezza. Se domani ci sarà una contro risposta seria ed esaustiva, non quelle poche frasi lapidarie che hanno divulgato, sarò ben felice di continuare a comprare Moncler anche allo stesso prezzo ma con piume sintetiche lavorate da mani italiane.

Mi farebbe piacere leggere i vostri pareri.
Un abbraccio a tutte/i.

mercoledì 5 novembre 2014

Cosmetic review num. 191... Clinique - Gel Wash-away

Buongiorno ragazze..
oggi parliamo di un detergente viso-occhi di Clinique.
Proposto in 150 ml con scadenza di 24 mesi ed un costo oscillante attorno ai 20 €.


lunedì 3 novembre 2014

Cosmetic review num. 190... Sinful Colors - Smalto num. 851 "Boom boom"

Buongiorno e buon lunedì!
Nuova settimana, nuova recensione.. nuovo smalto!!!!
Introduco una nuova marca nel blog, ovvero Sinful Colors!